Sold out! Ravenna


Guarda locandina

Ore 6.00 partenza in bus dal parcheggio dello stadio di Piacenza.
Arrivo a Ravenna e incontro con la guida.
Questa deliziosa città adagiata sulla costa adriatica custodisce un patrimonio artistico eccezionale, grazie al suo passato che l’ha vista protagonista di eventi storici cruciali ed importanti. Tra V e VIII secolo Ravenna è stata capitale dell’Impero Romano d’Occidente, poi del Regno degli Ostrogoti e infine dell’Esarcato Bizantino, e le tracce di questo passato si colgono negli splendidi edifici paleocristiani e nei suoi ben otto monumenti Unesco.
Ma Ravenna è anche la città che Dante Alighieri, il sommo poeta considerato il padre della lingua italiana, ha scelto come ultimo rifugio e che tutt’ora ne custodisce le spoglie immortali.
Il nostro viaggio nella storia comincia dall’età romana (V secolo), con la visita del Battistero Neoniano, il più antico battistero della città, ancora attivo e decorato con splendidi mosaici che rappresentano il battesimo di Cristo e la processione degli Apostoli, e del Mausoleo di Galla Placidia. L’imperatrice romana, donna fortemente religiosa, ha voluto costruire questo luogo per contenere le spoglie di sé e della sua famiglia, e l’ha fatto decorare da mosaici che rappresentano passi biblici, storie di santi, iconografie cristiane ma anche raffinati motivi ornamentali che richiamano l’oriente e la natura; la celebre volta dal cielo stellato, poi, incanta per la sua luce e i suoi riflessi dorati.
Ripercorriamo i luoghi cari al re degli Ostrogoti, Teodorico (V-VI secolo), partendo dalla Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, basilica palatina decorata con mosaici che narrano non solo le storie di Cristo ma anche i luoghi significativi della Ravenna dell’epoca, come il porto di Classe e il Palazzo di Teodorico. Ma accanto ai mosaici teodoriciani troviamo gli sfavillanti cortei di martiri e vergini, aggiunte bizantine che testimoniano il passato travagliato di questa Basilica. Proseguiamo col Battistero degli Ariani, costruito dal grande re per la comunità ostrogota, e abbandoniamo per un attimo i mosaici per lasciare posto alla bianca pietra d’Istria dell’imponente Mausoleo di Teodorico, emblematico monumento immerso nel verde di un bel parco urbano che verrà visitato solo dall’esterno.
Giungiamo ad ammirare gli splendori dell’età bizantina (VI secolo), con la maestosa Basilica di San Vitale, particolare per la sua forma ottagonale e celebre per la varietà dei marmi e i raffinati mosaici imperiali che rappresentano l’imperatore Giustiniano e la moglie Teodora. Ci spostiamo poi verso la Basilica di Sant’Apollinare in Classe, l’unica giunta fino a noi dell’antica città portuale, al cui interno spicca l’abside riccamente decorato con un giardino idilliaco, una splendida croce dorata e gemmata e la figura del Santo a cui è dedicato il luogo sacro.
Rendiamo omaggio al sommo poeta visitando la zona dantesca, con la Basilica di San Francesco dalla suggestiva cripta allagata e con la settecentesca Tomba di Dante Alighieri: scopriamo in questo modo l’avventurosa storia dei suoi resti mortali, trafugati dai francescani per conservarli a Ravenna, e l’amore dei ravennati per il sommo poeta nel corso dei secoli.

Pranzo libero in corso di visita.

Al termine ripartenza per Piacenza.